• Reale Mutua Assicurazioni Agenzia Torino Crocetta

  • Iscriviti alla Newsletter

  • 6 febbraio 2017

Pensione lavoratori autonomi

I problemi e le soluzioni

Pensione lavoratori autonomi

Pensione lavoratori autonomi 1024 512 Pagliano & Scaglia

Oggi parliamo di pensione lavoratori autonomi.
La pensione, o previdenza, per tutte le famiglie italiane, è un problema, e allo stesso tempo un obiettivo, molto complesso.

Discorso ancora più delicato per tutti coloro che determinano il proprio reddito nella modalità proprie dei lavoratori autonomi.

Si tratta di lavorare tutta una vita, piena di scelte attente e sacrifici, ma poi che garanzie abbiamo relativamente alla pensione? Sulle tasse da pagare c’è sempre estrema precisione e puntualità, ma che riscontri possiamo aspettarci in futuro? possiamo pensare a quella fase della vita con serenità o c’è da essere preoccupati… e perché no… arrabbiati?

Le cause di complessità in ambito “pensione lavoratori autonomi” sono sostanzialmente due e le affronteremo in questo articolo.

Pensione lavoratori autonomi: i problemi

In primo luogo, il gap previdenziale, che non è altro che la differenza tra la prima rata di rendita e l’ultimo stipendio da lavoratore; maggiore sarà il gap e tanto minore sarà il tenore di vita da pensionati rispetti a quello tenuto durante la fase attiva lavorativa. Il proprio “gap pensionistico” va verificato per tempo, in modo tale da predisporre una strategia finalizzata a eliminare ( o quantomeno a ridurre) il divario lavoro-pensione.

Se fino a pochi anni fa era concepibile che si potesse ignorare la logica di funzionamento del sistema pensionistico e non pianificare attentamente il passaggio dall’attività lavorativa alla quiescenza, oggi appare piuttosto imprudente disinteressarsi dal proprio futuro previdenziale;

In seconda battuta… il tasso di sostituzione. Vi chiederete come una semplice percentuale possa essere un problema…

Lo è perché essa è continuamente in calo. E se il tasso di sostituzione diminuisce, il gap pensionistico sale.

  • Tasso di sostituzione
  • GAP Previdenziale

Entrambi gli elementi, strettamente collegati fra loro, sono a loro volta causati dall’aumento continuo della speranza di vita. Se aumenta la speranza di vita, di conseguenza, l’età in cui si potrà andare in pensione aumenterà.

Questo va a penalizzare sia il gap, perché la persona in questione non riceve alcun tipo di entrata economica per un periodo sempre maggiore, sia il tasso di sostituzione, perché esso tenderà sempre più ad abbassarsi.

Altro fondamentale fattore da tenere in considerazione: secondo i dati Istat, nel 2002 la percentuale degli uomini con speranza di vita a 65 anni era del 16.9% mentre quella delle donne con speranza di vita a 65 anni era del 20.8%.

A 12 anni di distanza la percentuale degli uomini con speranza di vita a 65 anni è arrivata a 18.8% mentre quella delle donne con speranza di vita a 65 anni è arrivata a 22.2%.

Soluzioni

Pensione lavoratori autonomi: le soluzioni

A questo punto ti starai domandando quali possono essere le soluzioni, come da titolo. Te ne propongo ben due:

1) Fare ricorso all’utilizzo dei fondi pensione.
La caratteristica peculiare di questo tipo di soluzione è l’adesione libera dei soggetti e la possibilità per l’interessato di determinare i livelli contributivi e le modalità di investimento con ampia autonomia.

Il secondo pilastro gode anche di un ottimo trattamento fiscale che concede un’extra performance agli investimenti e prevede maggiore flessibilità nelle forme di conseguimento delle prestazioni (ad esempio il 50% del maturato alla data di pensione può essere riscosso in forma di capitale in un’unica soluzione).

2) Oltre ai fondi pensione possono essere considerati anche altri strumenti a finalità previdenziale come le polizze vita tradizionali o a carattere finanziario, gli investimenti finanziari a lungo termine, gli investimenti immobiliari ecc.

In questi casi la destinazione deve essere chiara e inequivocabile per non creare l’illusione di un eccesso di risorse che al momento del bisogno potrebbero non esserci effettivamente.

Ragionare sulle proprie risorse disponibili, anche frutto di rendite da capitali e/o immobili o partecipazioni societarie, identificare bene quali e quante risorse sono destinabili a questo importante obiettivo è parte integrante di un percorso di indagine complesso, articolato e vasto che non può prescindere da strumenti informatici di valutazione bensì da una consulenza di alta qualità presso una compagnia assicurativa.

Fare pianificazione previdenziale (soprattutto nel delicato ambito “pensione lavoratori autonomi”) non è neanche più un dovere ma un obbligo di tutela del proprio futuro sereno in pensione. Se fino a pochi anni fa era concepibile che si potesse ignorare la logica di funzionamento del sistema pensionistico e non pianificare attentamente il passaggio dall’attività lavorativa alla quiescenza, oggi appare piuttosto imprudente disinteressarsi dal proprio futuro previdenziale.

Abbi cura del tuo futuro e di quello della tua famiglia:

DEL DOMAN NON V’E’ CERTEZZA

recitava Lorenzo de’ Medici… e mi sembra quasi che questo verso sia stato scritto oggi, dato il particolare periodo storico che stiamo attraversando e il futuro che ci attende.

Se desideri maggiori informazioni sulle strategie più redditizie da adottare in materia di Pensione lavoratori autonomi, puoi contattarci direttamente via email a info@paglianoescaglia.it o lasciare un commento qui sotto.

Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai le notizie sulle novità. Spam? No grazie!

La compilazione del form, spontanea e volontaria, comporta l’acquisizione dei dati personali dell’utente. I campi indicati sono obbligatori e necessari per la sola erogazione del servizio previsto: il mancato conferimento dei dati corrispondenti comporta l’impossibilità di usufruire di tale servizio. Inviando i dati personali si dichiara di aver letto ed accettato i termini relativi al trattamento dei dati, contenuti nell’INFORMATIVA redatta ai sensi dell’art. 13 del GDPR 679/2016.

ACCONSENTO

Nome (*)

Cognome (*)

Azienda/Professione (*)

Email (*)

Numero di telefono (*)

Città di residenza

Giorno della settimana che preferisco (seleziona dal menu a tendina)

Orario che preferisco

Argomento/i di mio interesse:

Informazioni aggiuntive utili:

La compilazione del form, spontanea e volontaria, comporta l’acquisizione dei dati personali dell’utente. I campi indicati come obbligatori sono necessari per la sola erogazione del servizio previsto: il mancato conferimento dei dati corrispondenti comporta l’impossibilità di usufruire di tale servizio. Inviando i dati personali si dichiara di aver letto ed accettato i termini relativi al trattamento dei dati, contenuti nella PAGINA DELL'INFORMATIVA redatta ai sensi dell’art. 13 del GDPR 679/2016. Letta l'informativa PRIVACY, acconsento al trattamento dei miei dati personali per finalità quali invio di informazioni di carattere promozionale e commerciale, a mezzo posta o telefono e/o mediante comunicazioni elettroniche quali e-mail, fax, messaggi del tipo Sms o Mms o con altri sistemi automatizzati in futuro implementati, relative a nuove offerte di prodotti o servizi proposti da PAGLIANO & SCAGLIA s.r.l.

ACCONSENTO