• Reale Mutua Assicurazioni Agenzia Torino Crocetta

  • Iscriviti alla Newsletter

  • 25 marzo 2017

Indennità malattia lavoratori autonomi

Indennità malattia lavoratori autonomi

1024 512 Pagliano & Scaglia

Dalle pagine di Afrodite K, sito web nato per dare voce alla categoria dei lavoratori autonomi in ambito di malattie che impediscono lo svolgimento del proprio mestiere, ti invito a leggere questo articolo che approfondisce la questione dell’indennità malattia lavoratori autonomi e come questa è affrontata in maniera “non troppo precisa” all’interno della Legge di Stabilità 2016.

Ci sono malati serie A e di serie B?

Prima di capire come sia strutturata l’indennità malattia lavoratori autonomi vediamo cosa ha scoperto Afrodite K in merito alle malattie nella bozza di testo di quello che viene definito il Jobs Act delle partite IVA.

“In caso di malattia di gravità tale da impedire lo svolgimento della attività professionale per una durata superiore ai 60 giorni, il versamento degli oneri previdenziali è sospeso per l’intera durata del periodo di malattia fino ad un massimo di due anni. A decorrere dall’ultimo giorno del mese successivo a quello di cessazione della malattia il lavoratore autonomo è tenuto ad effettuare il pagamento del debito previdenziale maturato durante il periodo di sospensione, in rate mensili nell’arco di un periodo pari a tre volte quello di sospensione” (comma 3 art.10)
“All’art. 1, comma 1, Decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociale 12 gennaio 2001, sono infine aggiunte le seguenti parole: «I periodi di malattia certificata come conseguente a trattamenti terapeutici delle malattie oncologiche sono equiparati alla degenza ospedaliera” (comma 4 art.10)

Di suo questo potrebbe essere un ottimo provvedimento, se non fosse per i dettagli illustrati nel comma 2 dell’art1 (Ambiti di applicazione). Ovvero:

“Sono esclusi dall’ambito di applicazione del presente titolo i piccoli imprenditori artigiani e commercianti iscritti alla Camera del commercio”

Certo, stiamo parlando della bozza della legge, ma se questo disegno dovesse risultare approvato, si verrebbero di fatto a creare delle disparità all’interno dello stesso mondo dei lavoratori autonomi.

Ti consiglio di leggere l’articolo citato per un ulteriore approfondimento.

Vediamo ora di fare un po’ di chiarezza sul tema Indennità malattia lavoratori autonomi.

Indennità malattia lavoratori autonomi: quando è riconosciuta

L’indennità malattia lavoratori autonomi è riconosciuta a seguito di sinistro se si è in possesso di una polizza malattia.

L’indennità di malattia spetta, nei casi in cui il lavoratore non sia pensionato e non sia iscritto ad altre forme previdenziali obbligatorie, per un massimo di giorni nell’anno solare pari ad un 1/6 della durata complessiva del contratto e a condizione che:

  • risultino accreditati nei 12 mesi che precedono la data iniziale del ricovero almeno 3 mesi anche non continuativi della contribuzione dovuta alla gestione separata;
  • nell’anno solare che precede quello in cui è iniziato l’evento, il reddito individuale non sia superiore al 70% del massimale contributivo valido per lo stesso anno (che per il 2014 è di 100.123€)

A parer tuo, i lavoratori autonomi in Italia sono discriminati?
Versano come tutti gli altri i contributi, ma hanno diversi problemi all’accesso delle forme previdenziali che gli spetterebbero. In realtà la legge c’è (riforma Fornero) ma non viene applicata.

INPS VS LEGGE

Da gennaio 2012 la riforma Fornero ha esteso ai titolari di partita IVA il diritto alla indennità di malattia ma in molti casi l’Inps ai lavoratori autonomi ha rifiutato questa possibilità.
Qual è la motivazione?
«Le disposizioni di questa legge non sono complete e chiare»
«voi lavoratori autonomi non avete il diritto a queste agevolazioni»

Vedremo come si svilupperà la situazione: dato l’ambito nel quale lavoriamo, sappiamo bene che l’Indennità malattia lavoratori autonomi è un argomento estremamente delicato e la mancanza di informazioni in merito è il primo ostacolo da abbattere.

2 commenti

Scrivi un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Riceverai le notizie sulle novità. Spam? No grazie!

La compilazione del form, spontanea e volontaria, e la spunta della casella di consenso, comportano l’acquisizione dei dati personali dell’utente. I campi indicati come obbligatori sono necessari per la sola erogazione del servizio previsto: il mancato conferimento dei dati corrispondenti comporta l’impossibilità di usufruire di tale servizio. Inviando i dati personali, dichiaro di aver letto ed accettato i termini relativi al trattamento dei dati, contenuti nella pagina dell’informativa redatta ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 (Codice Privacy).

ACCONSENTO

Nome (*)

Cognome (*)

Azienda/Professione (*)

Email (*)

Numero di telefono (*)

Città di residenza

Giorno della settimana che preferisco (seleziona dal menu a tendina)

Orario che preferisco

Argomento/i di mio interesse:

Informazioni aggiuntive utili:

La compilazione del form, spontanea e volontaria, e la spunta nella casella di accettazione, comportano l’acquisizione dei dati personali dell’utente. I campi indicati come obbligatori sono necessari per la sola erogazione del servizio previsto: il mancato conferimento dei dati corrispondenti comporta l’impossibilità di usufruire di tale servizio. Inviando i dati personali, dichiaro di aver letto ed accettato i termini relativi al trattamento dei dati, contenuti nella pagina dell’informativa redatta ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 (Codice Privacy). Letta l'informativa PRIVACY, acconsento al trattamento dei miei dati personali per finalità quali invio di informazioni di carattere promozionale e commerciale, a mezzo posta o telefono e/o mediante comunicazioni elettroniche quali e-mail, fax, messaggi del tipo Sms o Mms o con altri sistemi automatizzati in futuro implementati, relative a nuove offerte di prodotti o servizi proposti da PAGLIANO & SCAGLIA s.r.l.

ACCONSENTO